Scopo dell'associazione ANTANI è quello di promuovere la diffusione della cultura cinematografica attraverso proiezioni di film nell’ambito di rassegne e festival, l’istituzione di convenzioni, l’organizzazione di manifestazioni, dibattiti, seminari e laboratori, la promozione di pubblicazioni, incontri e mostre, e più in generale di tutto ciò che è manifestazione del mondo cinematografico ed attività similari... (leggi lo statuto)

Maledimiele: una prima visione per Cremona con Antani

Antani presenta MALEDIMIELE
Il secondo importante appuntamento curato da Antani è in programma per il 24 aprile 2012 presso il Teatro Monteverdi alle ore 21.15.

In collaborazione con il progetto del Comune di Cremona - Cremona Gustosa, l’associazione Antani ha organizzato la proiezione del film MALEDIMIELE di Marco Pozzi. Nella mattinata è in programma una proiezione per gli studenti delle scuole superiori, alla sera invece la proiezione sarà aperta a tutti.

Il biglietto d’ingresso sarà di 5,00€ per tutti
Per i soli soci ANTANI il biglietto sarà ridotto a 3,00€.

Il film, in prima visione per la nostra città, vede tra i protagonisti Gianmarco Tognazzi ed affronta un tema di grande attualità, che coinvolge particolarmente i giovani di oggi: l’anoressia.

E’ la storia di Sara, un’adolescente di quindici anni che si ammala di anoressia. Inizialmente nessuno sembra accorgersi di niente: sia i genitori che le amiche del cuore faticano a vedere l’evolversi della malattia. Marco Pozzi scava con pudore nella mente e nell’animo di una ragazza che nel rifiuto del cibo trova la maniera più violenta per protestare contro la propria famiglia.



Per chi volesse ulteriormente approfondire l’argomento “anoressia” si ricorda che proprio nella giornata del 24 aprile a Cremona su iniziativa della libreria Del Convegno, verrà presentato il libro “Volevo essere una farfalla” di Michela Marzano (Sala Quadri - Palazzo Comunale - ore 18.00) in cui l’affermata docente all’università di Parigi decide di narrare l’esperienza che ha più profondamente segnato la sua vita, il passaggio attraverso la malattia dell’anoressia.

Nessun commento:

Posta un commento